Giardino di Boboli e Museo degli Argenti

Comprende il Museo del Costume, il Museo degli Argenti, il Giardino di Boboli, il Museo delle Porcellane e il giardino Bardini
Giardino di Boboli e Museo degli Argenti
Da 6.67

Un solo biglietto per un indimenticabile percorso

Organizzazione Tecnica Web95
Provided by Weekend a Firenze Srl

Panoramica

Il biglietto è valido per il Museo del Costume, il Museo degli Argenti, il Giardino di Boboli, il Museo delle Porcellane e il giardino Bardini

L'ingresso per Palazzo Pitti avviene a turni di 15 minuti!

La prenotazione deve essere richiesta con almeno 1 giorno lavorativo di anticipo.

Massimo 30 persone per gruppo.

Risparmia tempo nell'ordinare! Aggiungi al tuo basket tutti i biglietti che vuoi, poi riempi il modulo d'ordine e invia la richiesta.

Prima di effettuare l'ordine leggi le Informazioni sull'ordine.

IMPORTANTE: Dopo aver completato con successo una prenotazione, riceverete due e- mails: la copia del vostro ordine (immediatamente dopo averlo fatto) e la mail di conferma (un giorno lavorativo dopo). Per poter ricevere queste due mail, vi preghiamo di accertarvi di inserire correttamente il vostro indirizzo di posta elettronica e controllare che i filtri anti-spam o antivirus non blocchino le mail dal nostro indirizzo [email protected] . Attenzione speciale da parte degli utenti di AOL.

ATTENZIONE: se l'orario richiesto è esaurito, il museo confermerà automaticamente l'orario disponibile più vicino a quello richiesto, nella stessa data.

Orari d'apertura: 8.15 - 16.30 (novembre a febbraio); 8.15 - 17.30 (marzo); 8.15 - 18.30 (aprile, maggio, settembre ed ottobre); 8.15 - 17.30 (in ottobre quando si conclude l'ora legale); 8.15 - 19.30 (giugno ad agosto). Chiuso il primo ed ultimo lunedì del mese.

Aperture straordinarie che possono essere prenotate:
Lunedì 25 aprile 2016

Politica di cancellazione:
Per cancellazioni ricevute una volta assegnato il codice di conferma, e per no show, possiamo rimborsare il costo di biglietti non utilizzati meno il costo del servizio (prevendita e prenotazione online).

Dettagli

Il Museo del Tesoro Granducale o degli Argenti, occupa l'ala sinistra di Palazzo Pitti, residenza estiva della corte medicea. Istituito nel XIX sec. I 25 suggestivi ambienti esortano lo spettatore ad una visita attenta delle preziose collezioni. La gran parte degli oggetti proviene dal famoso Tesoro di Salisburgo portato a Firenze da Ferdinando III di Lorena, mentre i vasi in pietre dure provengono dalle collezioni di Pietro e Lorenzo de Medici. Il percorso inizia dalla Sala di Luca Pitti che ospita 8 busti medicei e l'albero genealogico della famiglia Medici. Si passa poi alla Sala affrescata da Giovanni da San Giovanni. La terza è la Sala di Lorenzo o Sala Buia che accoglie alcuni oggetti appartenuti a Lorenzo de Medici.

Attraverso la Cappellina si accede alle tre grandi Sale di Rappresentanza, le uniche affrescate e utilizzate per accogliere i visitatori dei Granduchi. Si prosegue con la Sala degli Avori provenienti dal bottino di guerra dell'assedio di Coburgo e la Sala degli Avori e Reliquiari della cappella di Palazzo Pitti.

Una scala segreta porta al I piano, cuore del tesoro del Museo: le Sale dei Cammei e dei Gioielli appartenuti ad Anna Maria Luisa de Medici. Le due Sale successive ospitano il tesoro di Salisburgo. Attraverso la Loggetta, si arriva alla Sala Orientale e alle Sale delle Porcellane cinesi e giapponesi, percorrendo le quali si accede alla sala delle Donazioni e alla Sala dei Calchi in gesso di grandi piatti in argento. Ritornando al piano terra troviamo la preziosa raccolta di ambre e, infine, la Sala delle Pietre Dure.

Il Museo delle Porcellane fu istituito nel 1973 nei locali del Casino del Cavaliere, costruzione adiacente a Palazzo Pitti. L'edificio venne costruito su commissione di Leopoldo de' Medici allo scopo di farne una sala di rappresentanza dove ricevere gli artisti al seguito della corte medicea. I Lorena ne fecero un luogo da riservare alle feste di corte dopo lavori di rimaneggiamento e successive aggiunte. In tali ambienti è stata raccolta la parte residua delle collezioni ceramiche medicee, lorenesi e borboniche dalle quali è nato un museo istituito nel 1973.

Il percorso museale che si snoda nelle tre stanze della palazzina, è stato allestito secondo criteri cronologici e tematici. Si parte dalla collezione di porcellane italiane e francesi dell'inizio del XVIII secolo per arrivare alle collezioni della fine del XIX secolo. La prima sala, anticamente riservata ai balli di corte, ospita le collezioni delle Porcellane italiane e francesi.

Parte fondamentale della raccolta è costituita dagli esemplari della Real Fabbrica di Capodimonte, stabilimento napoletano specializzato nelle riproduzioni di manufatti di epoca classica. Da essa provengono le statuine in biscuit raffiguranti divinità e personaggi illustri, i complessi serviti di tazze raffiguranti volti umani ispirati alle sculture di epoca romana, etrusca, egizia e ai volti dei membri delle casate reali.

Di notevole pregio storico e artistico La scuola degli Orsi, scultura in biscuit che rievoca la spensieratezza e le burla di corte. Molti i serviti di tazze e tazzine dalle forme incerte e complesse. Nella stessa sala gli esemplari realizzati dalla Manifattura di Doccia, conosciuta i seguito come Ginori. I serviti di ispirazione giapponese e cinese, i motivi floreali, le decorazioni bianche e blu e i rilievi contraddistinguono la manifattura toscana che fu al servizio dei Lorena per diverso tempo.

Tra le manifatture francesi gli esempi della fabbrica di Vincennes, in seguito detta di Sèvres dal nome della città che la ospitò, con le caratteristiche decorazioni floreali nelle diverse tonalità dell'azzurro e del rosa che racchiudono motivi floreali e scene tratte dai riposi in campagna delle famiglie reali. Molto interessante è l'Alzata per ostriche costituita da una base da cui parte un ramo di conchiglie bianche e blu. A seconda sala sono raccolte le Porcellane Viennesi. Vi si conservano statuine in biscuit in stile neoclassico raffiguranti nobildonne e scene tratte dalla vita di corte e preziosi serviti decorati. Tra essi il servito con le Vedute di Vienna, vasi e vassoi con motivi floreali. L'ultima sala ospita le Porcellane di Meissen e i prodotti di altre manifatture. La fabbrica di Meissen sperimentò per prima la pasta dura con la quale realizzò i famosi Vasi ispirati all'arte decorativa cinese.

Nel cuore di Palazzo Pitti, la moda è il centro della storia e forma di arte: la voce narrante di feste e della vita di ogni giorno diventa protagonista del presente e del passato.

Situato in un piccolo edificio della Meridiana dde palazzo pittila galleria del costume consiste in 13 stanze dove circa 600 abiti e accessori sono esposti, con rotazioni biennali sui manichini che sono disegnati per mostrare i personaggi, stili e dimensioni della varie epoche. La decisione di cambiare la disposizione dei costumi ogni due anni è determianta dal fatto di preservarli.

In questo modo i costumi non vengono danneggiati dalla luce del sole e dalla lunga esposizione. Questo costante cambiamento fa della galleria una istituzione con nuove idee ed eventi, e permette di mostrare tanti costumi quanto è possibile.

Questo unico museo fu fondato nel 1983 da K.Aschengreen Piacenti e copre il periodo tra 18.o secolo e il presente. Recentemente gli abiti funebri di Cosimo I dè Medici, di Eleonora di Toledo e suo figlio don Garcia hanno arricchito l'esposizione con costumi del 16.o secolo.

L'esposizione inizia con una selezione di abiti per donna dal 18.o e 19.o secolo. L'eleganza della linea, miscelata con la ricchezza delle stanze, richiama antichi cameo: preziosi e aristocratici, sinuoso e civettuoli, le donne erano le stelle dell'epoca. La scena cambia passando alla sezione dedicata alla moda femminile fra le due guerre. Il Fascismo voleva una donna che fosse moglie e madre e vestita con abiti dalle linee sobrie e severe. Non c'era spazio per alcuna frivolezza: una donna interpretava il suo ruolo nei sobri e pratici abiti del regime. Una particolare sezione della galleria ospita la meravigliosa collezione di Flora Wiechmann Savioli, dove possiamo ammirare i gioielli creati dall'artista dal 1958 al 1968: collane, pendenti, gioielli fatti in acciaio, argento e altri metalli poveri lavorati a mano in semplice e moderna linea geometrica.

Alla fine la Collezione Ferrè, recente donazione che lo stilista fece alla galleria per la sua riapertura dopo lunghi restauri. Una ricca selezione di modelli creati ed esibiti in un originale manichino della sala ball: fantasia e colore sottolineano il gusto per l'arte della decorazione che caratterizza il lavoro del famoso stilista.

Il primo nucleo fu acquistato nel 1550 da Eleonora di Toledo, moglie di Cosimo I de' Medici, dalla famiglia Pitti. Il progetto di sistemazione del giardino fu intrapreso da Niccolò Pericoli, detto il Tribolo; dopo la sua morte nel 1555, la direzione dei lavori fu assunta da Davide Fortini e successivamente, fra il 1554 e il 1561, da Giorgio Vasari. Anche l'Ammannati vi prestò la sua opera negli anni dal 1560 al 1583 e vi progettò il cortile che ha conservato il suo nome.

Il grande spazio detto dell'Anfiteatro, di forma semiellittica, col quale si sarebbero armonizzate le due ali del cortile progettato dall'Ammannati, fu ricavato dalla grande cava di pietra ai piedi della collina di Belvedere. Questa concezione architettonica unì in un tutto armonico il palazzo Pitti e il giardino di Boboli.

Dopo il 1574 Francesco I fece subentrare come architetto Bernardo Buontalenti, che realizzò la Grotta Grande. . La grotta deriva dalla trasformazione di un vivaio eseguito fra il 1556 e il 1560 su progetto di Giorgio Vasari. Le nicchie ai lati dell'ingresso della grotta ospitano le statue di Bacco e Cerere di Baccio Bandinelli (1552-1556). Negli angoli si trovavano, prima della loro sostituzione con calchi in cemento, avvenuta nel 1924, i Prigioni di Michelangelo. Nei primi anni del Seicento, ai tempi del granducato di Cosimo I (1609-1621), il giardino venne ampliato, sotto la supervisione di Gherardo Mechini e Giulio Parigi, oltre la cinta muraria eretta durante la guerra contro Siena.

La composizione del giardino ebbe come asse ideale l'ampio viale dei cipressi, che conduce al grandioso Bacino dell'Isola, realizzato tra il 1612 e il 1620. A Giulio Parigi si deve anche la Vasca dell'Isola, uno dei luoghi più suggestivi del giardino, originariamente concepita come spazio destinato alla coltivazione di agrumi e fiori. Al centro della vasca si trovava probabilmente una fontana di Venere, fatta sostituire nel 1636 dal granduca Ferdinando II con l'Oceano del Giambologna. Risale sempre al 1636 la collocazione nell'attuale posizione della statua dell'Abbondanza, iniziata dal Giambologna e conclusa da Pietro Tacca.

Nel Settecento la dinastia medicea si estinse e il Granducato passò agli Asburgo-Lorena. Dopo un primo periodo di abbandono, sotto Pietro Leopoldo di Lorena (1765-1790) furono intrapresi ingenti lavori di restauro che interessarono le sculture, le architetture, gli impianti idrici e la vegetazione. Il giardino fu anche dotato di nuovi edifici, fra i quali il Kaffeehaus (1775) e la Limonaia (1777-1778), progettati da Zanobi del Rosso, e la Palazzina della Meridiana, iniziata nel 1776 da Niccolò Gaspero Paoletti.

Una nuova fase di decadenza si ebbe durante la dominazione napoleonica (1799-1814) e in seguito al tentativo della granduchessa Elisa Baciocchi di trasformare Boboli in un giardino all'inglese, mai portato a termine. Con la restaurazione lorenese si riportò Boboli all'aspetto formale che aveva avuto sin dalle sue origini. Nel 1834, sotto Leopoldo II, il giardino subì la distruzione dei labirinti per l'apertura di un grande viale carrozzabile, su progetto di Pasquale Poccianti. Durante questo secolo il giardino è stato lo scenario di celebri spettacoli all'aperto.

Il giardino Bardini è uno straordinario belvedere su Firenze: 4 ettari di parco tra la riva sinistra dell'Arno, la collina di Montecuccoli e le mura medievali. In origine era un sistema di orti murati verso Palazzo Mozzi e su tutta la collina retrostante. Nel Settecento Giulio Mozzi, appassionato di giardini, arricchisce la proprietà con un lungo muro fontana con fondali a mosaico polimaterico. A metà Ottocento il giardino barocco viene ampliato con l'acquisizione del confinante giardino anglo-cinese di Villa Manadora, creato da Luigi Le Blanc all'inizio dell'Ottocento.

Nella seconda metà dell'Ottocento i principi Carolath Benten acquistano tutta la proprietà e arricchiscono il giardino di dettagli vittoriani. Nel 1913 l'antiquario Stefano Bardini acquista il complesso composto da Palazzo Mozzi, dal giardino barocco, dal giardino anglo-cinese con una porzione rimasta agricola, e dalla villa Manadora. Bardini costruisce un viale per salire in macchina dall'Arno sino alla villa, distruggendo i giardini murati di origine medievale, e riunifica i due edifici esistenti sulla costa San Giorgio.

Con la morte del figlio Ugo nel 1965 inizia la lunga vicenda dell'eredità conclusa nel 1996 grazie all'allora ministro Paolucci che fa adempiere alle condizioni del defunto. Nel 2000 l'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, attraverso la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron, inizia il restauro del complesso, durato quasi cinque anni, per restituire al giardino identità, ricchezza compositiva e vegetale. Nel parco agricolo, dove sono stati piantati alberi da frutto della tradizione toscana, si trova un rondò-belvedere dal quale si percorre un tunnel di glicini e si ammirano ben 60 varietà di ortensie.

La scalinata barocca è la parte più scenografica del giardino con il Belvedere sulla città e le sei fontane con fondali a mosaico polimaterico. Lungo la scalinata sono state piantate rose bourboniane e iris rifiorenti; nella parte più bassa si visita un giardino con bordi di erbacee e graminacee e il teatro verde ricavato in una concavità nel giardino.

Nel bosco all'inglese, che faceva parte del giardino anglo-cinese, si trova il prato delle azalee
dove si possono ammirare anche felci, viburni, camelie, e una collezione di agrumi. Da via de'Bardi il percorso si snoda in salita verso la villa e consente di ammirare sia il giardino sia i monumenti di Firenze. Raggiunta Villa Bardini si esce nella Costa San Giorgio ed in pochi minuti si arriva al Giardino di Boboli e si può ridiscendere verso la città, percorrendo complessivamente circa 7 km nel verde.

Prezzi

Il biglietto è valido per il Museo del Costume, il Museo degli Argenti, il Giardino di Boboli, il Museo delle Porcellane e il giardino Bardini

Biglietti:

Biglietto intero

Biglietto ridotto:

  • i cittadini dell’Unione europea di età compresa tra 18 e 25 anni (presentare documento d’identità)
  • i docenti delle scuole statali italiane con incarico a tempo indeterminato (presentare idonea documentazione)

Biglietto gratuito:

  • Ragazzi minori di 18 anni di qualsiasi nazionalità. I visitatori minori di anni 12 devono essere accompagnati
  • i docenti e gli studenti delle facoltà di architettura, di conservazione dei beni culturali , di scienze della formazione e dei corsi di laurea in lettere o materie letterarie con indirizzo archeologico o storico-artistico, delle facoltà di lettere e filosofia (gli studenti devono presentare certificato d’iscrizione all’anno accademico in corso)
  • i docenti e gli studenti delle Accademie di belle arti (gli studenti devono presentare certificato d’iscrizione all’anno accademico in corso)
  • le guide turistiche nell’esercizio della propria attività professionale (esibire una valida licenza, rilasciata dalla competente autorità)
  • gli interpreti turistici, quando occorra la loro opera a fianco della guida (esibire una valida licenza rilasciata dalla competente autorità)
  • il personale del Ministero per i Beni e le Attività culturali
  • i membri dell’ICOM (International Council of Museums)
  • Per ragioni di studio e di ricerca, attestate da istituzioni scolastiche o universitarie, da accademie, da istituti di ricerca e di cultura italiani o stranieri, da organi del Ministero per i Beni e le Attività culturali, ovvero per particolari e motivate esigenze, i capi degli istituti possono consentire ai soggetti che ne facciano richiesta l’ingresso gratuito per periodi determinati

Accesso gratuito la prima Domenica di ogni mese.

Scuole:
ingresso gratuito; la prenotazione deve essere effettuata direttamente al museo.

Il costo del servizio ed il costo dell'eventuale mostra saranno dovuti anche per riduzioni, gratuità e giornate di gratuità. Preghiamo notare che all'ingresso del museo verrà richiesto un documento d'identità che giustifichi il motivo della riduzione.

Promozioni

Le promozione offerte da Weekend in Italy sono uniche e legate alla tradizione fiorentina.

Presentando il voucher avrai diritto a sconti e/o omaggi.

Dr.Vranjes

Il punto vendita di via della Spada 9/r è posizionato al centro del quadrilatero commerciale di Firenze vicino alle griffe più prestigiose della moda e a pochi passi dalla lussuosa via dei Tornabuoni.

Il punto vendita è divenuto in breve la vetrina Dr.Vranjes in cui si affacciano e si riconoscono i nostri clienti provenienti da tutto il mondo.

 


- Ad ogni ospite che si presenterà con un vostro Voucher sarà dato in omaggio un segnalibro profumato, indipendentemente dall'acquisto.

- A fronte di un'acquisto minimo di € 30,00 verrà dato in omaggio un Karitè Lips

- A fronte di un acquisto minimo di € 100,00 verrà data in omaggio una fragranza spray da 25 ml.

Dr. Vranjes.
Via della Spada 9r - Firenze
Via San Gallo 63r - Firenze
Borgo la Croce 44r - Firenze
Via Fiori Chiari 24 - Milano

Gioielleria Cardini

Dal 1888 la gioielleria Dante Cardini e’ uno dei punti di riferimento dell’arte orafa sul Ponte Vecchio di Firenze.

In questo negozio troverete brands come “CHIMENTO gioielli” , “Roberto Poggiali” e “BARAKA’ “ di design contemporaneo ed esclusivo accanto alle creazioni DANTE CARDINI di sapore piu’ tradizionale .

Verrete accolti in atmosfera elegante ed informale dai titolari Massimo ed Elisabetta che vi guideranno in una esperienza unica e indimenticabile per una visita alle terrazze dalle quali goderete la splendida vista sul fiume Arno e sulla citta’ di Firenze.

Ai possessori del voucher verrà riconosciuto il 10% di sconto.

Fratelli Peruzzi Argentieri

Fondata nel 1860, la Fratelli Peruzzi Argentieri è una delle più antiche realtà del settore.

Dopo Giuseppe Peruzzi sono i suoi figli, e i figli dei suoi figli che proseguono l’attività ,fino ad oggi, fino a Gianna, e a sua cognata Laura, la quarta generazione di una famiglia di argentieri.

Siamo una realtà fatta di lavoro artigianale dove si realizza qualsiasi richiesta ed oltre ad essere impegnati nella ricerca e nel commercio di prodotti in argento e oro, vantiamo il prestigioso marchio di identificazione fra i più antichi in Firenze ( FI 114 ) .

Annesso alla boutique si trova il laboratorio dove è ancora attiva la produzione di quegli oggetti che ne hanno fatto un punto di riferimento nel corso di tutti questi anni.

Un sogno che continua nella realtà.

 

I possessori del voucher avranno un 10% di sconto sull'acquisto.

 

Fratelli Peruzzi - Ponte Vecchio 60 | Firenze

Hard Rock Cafè

REGALO DA COLLEZIONE IN OMAGGIO!
Presentati il voucher di Weekend in Italy e, con una spesa minima di 25 Euro presso il Cafe o il Rock Shop, riceverai in omaggio un souvenir Hard Rock Cafe. L'offerta scade il 31 dicembre 2015. Offerta non cumulabile, validità per una persona, limitatamente al Cafe di Firenze.
 

Commenti



ATTENZIONE: L'ingresso al sito prenotato è vietato senza la presentazione del voucher. La presentazione della copia dell'ordine non dà diritto all'ingresso. Non sono previste eccezioni a questa regola.

Waf.it e Weekendafirenze.com sono marchi registrati da Weekend a Firenze Srl presso la Camera di Commercio di Firenze, autorizzazione n. 0469879 - cap. soc. € 61.200,00 - Copyright © 1995 - 2016 by Weekend a Firenze ® s.r.l. - Via Pistoiese 132, 59100 Prato (ITALY) - Fax +39-0574-401744 - p. IVA 02180560480 - Tutti i diritti riservati - Informazioni

Powered by Web95

Inserire le parole da cercare sul sito